Pressa

La Pressa è un lavoro sulla memoria mediatica. La macchina contiene migliaia di immagini della storia politica, sociale, culturale, di costume … dagli anni ‘60 al 2007.
Il sonoro è composto da tre rumori. Il primo è il rumore di fondo, continuo, di una fabbrica meccanica del ‘900, tiene in tensione l’attenzione dello spettatore; il secondo è di un pistone che spinge le immagini nello schermo, mentre il terzo è la pressa che schiaccia. Nello schiacciamento non c’è alcuna intenzione negativa, piuttosto si instaura una gara tra la macchina ed la mente dello spettatore che è chiamato a dare un nome alle immagini che la macchina gli propone. Il ritmo della macchina però è tale che, seppure in grado di ricordare, lo spettatore non ha il tempo di rispondere. E’ una situazione analoga a quella della catena di montaggio interpretata da Chaplin in Tempi moderni.


Anno2007TecnicaVideoinstallazione (cristallo, monitor)Dimensionicm.150x90x30

Privacy Preference Center