Dalla materia, all’energia, al linguaggio

In una mostra del 1994, “Dalla materia, all’energia, al linguaggio”, vengono esposti una serie di quadri di pelle nera, coperti di frasi in tedesco. Dipinta al centro, campeggia, nero su nero, la Porta di Brandeburgo sovrastata da un’aquila (al posto dei cavalli). Le frasi sono pensate in italiano dall’artista e poi tradotte in tedesco. Recita una di queste: “La crisi è un artificio prodotto dal sistema per rinascere da se stesso e uguale a se stesso”. E’ chiaramente una frase contenente, sul versante linguistico, una pregiudiziale ideologica paramarxista, che contrasta sul versante visivo con la frase in tedesco, scritta con l’argento su fondo nero, la sagoma emergente della Porta di Brandeburgo.
L’installazione è situata all’interno di un edificio privo di luce esterna, somigliante più ad un bunker chiuso da un lungo muro di cartone che ad una galleria d’arte.

Anno1994TecnicaInstallazione - Muro di cartone, quadri di pelle

Privacy Preference Center