Artigiani 96

20 fotografie di lavoratori, compresa quella dell’artista, che avevano la loro attività attorno al suo vecchio studio nella periferia romana.
Quest’opera sottolinea da un lato il soggetto umano e il tema del lavoro nella nascente era digitale, mentre dall’altro si contrappone agli eccessi estetici del Posthuman negli anni ‘90: corpi fatti a pezzi, smembrati, appesi … l’intangibilità umana.
Nel gioco ambiguo tra vero e falso i soggetti rappresentati possono essere modelli che interpretano la parte di lavoratori o al contrario lavoratori che recitano la parte di modelli.


Anno1996TecnicaCibachromeDimensionicm. 202x102x10

Privacy Preference Center